Comune-Reggio civitas: alleanza in nome della sicurezza

Comune-Reggio civitas: alleanza in nome della sicurezza

Luce nuova sul quartiere Mirabello grazie alla collaborazione tra Amministrazione comunale e cittadini, per far vivere gli spazi anche nelle ore notturne e creare una sicurezza partecipata e condivisa: un esempio virtuoso in cui i cittadini si impegnano in prima persona insieme all’ente per migliorare la propria città. È il risultato raggiunto grazie alla donazione realizza dall’associazione Reggio Civitas che, grazie a un finanziamento di 6mila euro ricevuto dai cittadini tramite il contributo del 5xmille, ha consentito l’installazione di  29 corpi illuminanti a led e 62 kit a led per plafoniere per la sostituzione delle vecchie lampade, a luce gialla e fioca, nei parchi e porticati del quartiere.

L’effetto delle nuove luci, già installate, è ben visibile, in termini di chiarezza e potenza, nei parchi Matteotti, Adelina Patti, Olimpia e nel porticato compreso tra viale Olimpia, via Melato e via Fratelli Tondelli. Non solo parchi e porticati: nuovi impianti a led sono stati posizionati anche in corrispondenza degli incroci di via Melato/viale del Partigiano e via Melato/viale Olimpia, co-sponsorizzata dalla stessa associazione, migliorando profondamente l’impatto estetico e visivo a beneficio degli utenti della strada e dei pedoni.

“La nostra associazione si occupa di tematiche connesse alla sicurezza urbana – spiega Valentina Iannuccelli, di Reggio Civitas – e uno degli elementi che concorrono al suo raggiungimento è sicuramente l’illuminazione degli spazi pubblici, che determina l’attrattività di un luogo incentivandone la frequentazione da parte dei cittadini e disincentivando comportamenti antisociali o illegali. Alla base del nostro contributo c’è un’idea di permeabilità visiva dei luoghi, per cui il cittadino si sente sicuro se è in grado di essere visto e se può vedere la strada: in più, abbiamo scelto un tipo di illuminazione che ha forti vantaggi anche sul piano ambientale, essendo a basso impatto ambientale ed economico e necessitando di una manutenzione meno frequente rispetto ad altri tipi di illuminazione”.

Il progetto presentato dall’associazione di cittadini è stato approvato dall’assessorato a Infrastrutture e Ambiente, che ha provveduto all’installazione dei corpi illuminanti: nel 2019 ci sarà una seconda parte di lavori che riguarderà la sostituzione delle vecchie lampade anche nei parcheggi del quartiere.

“Con questo progetto non abbiamo inteso sostituirci al Comune: essendo la nostra un’associazione che agisce per la comunità, abbiamo semplicemente pensato di fare un regalo a quella stessa comunità. Ci siamo trovati davanti un’Amministrazione comunale che ha ascoltato e risposto, accogliendo un nostro stimolo. Siamo un’associazione che agisce al di fuori delle logiche di partito e per questo, con il Comune, abbiamo da sempre un rapporto onesto: questo significa non risparmiare le critiche quando servono, né i riconoscimenti quando si lavora nella direzione giusta, e questo è il caso”.